Disorderly
Just another WordPress.com weblog

Mark Dery e il Culture Jamming

Mark Dery è uno dei più famosi critici musicali americani. Collabora alle riviste “Wired”, “Rolling Stone” e “Village Voice”. E’ Direttore di giornalismo digitale presso la New York University, dove insegna al Dipartimento di giornalismo. Nel 1993 il suo saggio “Culture Jamming: Hacking, Slashing, and Sniping in the Empire of the Signs” conio’ un nuovo termine –culture jamming- e diede vita ad movimento omonimo.
Dery scrive sul concetto affascinante della interferenza tra l’uomo e le macchine, proponendo un’analisi delle forze sociali, estetiche e religiose che esistono dietro al fenomeno della Cibercultura. La cyberculture è tutta la cultura legata al cyberspace o meglio tutto ciò che dobbiamo sapere per muoverci nello spazio elettronico virtuale ma anche per comprendere tutte le cose che ne derivano: sesso virtuale, tatuaggi biomeccanici che forse rivelano la voglia o la paura di divenire macchina, mezzi attraverso i quali aumentare le proprie capacità intellettive come mind machines o, smart drughs; l’immaginario robotico che abbiamo del futuro che possiamo vedere in film come Blade Runner, Jhonny Mnemonic o Robocop. Intanto aumenta sempre di più la nostra Velocità di Fuga, citata da Dery nel suo libro, ovvero la velocità con cui ci stiamo staccando dalla Terra e dal nostro corpo per entrare in una dimensione totalmente elettronica che appunto secondo Dery non dev’essere priva di chiari principi in quanto rischierebbe di portarci fuoristrada e di schiavizzarci forse. Cyberpunk, Cyber hippie, tecnopagani e raver, arti estreme in rete, musica, film e usi comunitari e creativi delle reti hanno generato una rivoluzione che ha generato la cosiddetta controcultura globale o meglio si vedono sempre di più le nuove tecnologie utilizzate in modi non previsti dai propri costruttori, queste sono le interferenze culturali analizzate da Dery. I teorici del neocapitalismo e della globalizzazione, dice Dery, vogliono farci credere in una utopia tecnologica in cui tutto si risolverà attraverso la tecnologia digitale e le macchine ed in cui l’economia globale eliminerà lo Stato-Nazione. Peccato però, dice Dery, che oggi nei tecnologici Stati Uniti ci si trovi a dover fare i conti con il più grande gap tra ricchi e poveri della storia degli USA. La tecnologia è tutt’altro che infallibile e benigna ma viene utilizzata per monitorare ed opprimere i lavoratori, come già si può vedere, ad esempio, all’interno di Microsoft all’autismo e nel quale la cibernetica è un’utopia tecnologica militare. Mark Dery e’ fondatore di Adbusters e autore di un importante manifesto jamming. Il termine culture jamming può essere definito come “interferenza mediatica, guerra dell’informazione, terror art e guerriglia semiotica”, ci si accorge subito che, tra le altre cose, stiamo parlando proprio della rete. Il senso della jamming culture, nata da questo testo, è quello di andare contro i messaggi che ci condizionano la vita, come ad esempio quelli della pubblicità, svelando ciò che vi sta dietro cercando così di andare contro agli stereotipi di vita offerti dai media. I jammers ( “sabotatori‿ ) si propongono, con i messaggi e le performances dei loro gruppi, di far vedere l’altra faccia della medaglia nelle cose che ci circondano e cercano di far nascere in ognuno di noi uno spirito critico che sappia guidarci nella maniera giusta, nelle nostre scelte. É una rete globale composta di artisti, scrittori, insegnanti, studenti, pubblicitari e imprenditori che appoggia il nuovo movimento attivista sociale. Emettere segnali di disturbo nel nuovo panorama mondiale rappresenta il nuovo disturbo. Rinnovano i vecchi paradigmi della cultura consumista e dissolvono gli archetipi della devastazione mentale e disturbano i venditori della cultura di massa. Gli appartenenti vorrebbero che l’economia andasse di pari passo con l’ecologia, vorrebbero che le persone che subiscono passivamente la cultura di massa passassero dallo stato di spettatori a quello di protagonisti, vorrebbero cambiasse l’economia globale che inquina mentalmente e fisicamente. L’ obiettivo è quello di introdurre una via alternativa dell’uso della tecnologia e di incoraggiare la responsabilità sociale. La contraffazione di annunci pubblicitari è diventata lo strumento ideale di condanna delle società multinazionali, tuttavia molti culture jammers sono considerati dei gruppi di estremisti.

we love fat.howard

INTERFERENZA è TUTTO CIò CHE COMBINA ARTE,MEDIA,PARODIA E UN ATTEGGIAMENTO DA OUTSIDER…….

Nessuna Risposta to “Mark Dery e il Culture Jamming”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: